Progetto di ricerca:

Seminari Wood Carbon

Scopo della ricerca:  

Rispondi a domande comuni e critiche sull'impatto del carbonio del legno nel settore edile.

seminari legno carbonio

I seminari Wood Carbon erano una serie di webinar in 8 parti ospitata dal Carbon Leadership Forum nella primavera del 2020. Ha riunito esperti del legno per rispondere a domande comuni e critiche sull'impatto del carbonio del legno dell'industria edile.

I webinar sono stati organizzati in quattro categorie principali: 1) Background e basi, 2) LCA e legno, 3) Monitoraggio del carbonio in Nord America e 4) Legno e industria edile. Per ogni categoria, tre relatori sono stati invitati a presentare un argomento specifico nella prima settimana e tornare per una sessione di discussione la settimana successiva. Di seguito è possibile trovare il programma, le registrazioni e le diapositive per queste presentazioni e sessioni di discussione. Il CLF ha anche raccolto domande dal pubblico nel corso della serie di webinar a cui hanno risposto i relatori al di fuori delle sessioni di webinar dal vivo. Queste domande e risposte sono disponibili di seguito.

 

 

Webinar

Di seguito sono disponibili le registrazioni del webinar e le diapositive della presentazione. Fare clic sul pulsante della fisarmonica (+) all'estremità destra di ogni riga per espandere la sezione.

 

(vuoto nascosto)
Sessione 1: Background e basi
  • 1.1: Introduzione ai seminari Wood Carbon, presentato da Kate Simonen del Carbon Leadership Forum
  • 1.2: Alberi, silvicoltura e carbonio 101, presentato da Cynthia West del US Forest Service (USFS)
  • 1.3: Industria manifatturiera e dei prodotti forestali, presentato da Kent Wheiler dell'Università di Washington
Sessione 2: LCA e Wood
  • 2.1: Neutralità del carbonio e sua connessione agli effetti di sostituzione dei prodotti forestali, presentato da Reid Miner del National Council for Air and Stream Improvement (NCASI)
  • 2.2: Come LCA gestisce il legno, presentato da James Salazar di Coldstream Consulting
  • 2.3: Un'analisi più approfondita della LCA dei prodotti in legno e della contabilità delle risorse forestali, presentato da Elaine Oneil del Consortium for Research on Renewable Industrial Materials (CORRIM)
  • 2B: sessione di discussione
    • Guarda la registrazione:
Sessione 3: Monitoraggio del carbonio in Nord America
  • 3.1: Certificazione e catena di custodia, presentato da Lauren Cooper della Michigan State University
  • 3.2: Monitoraggio del carbonio e della sostenibilità, presentato da Grant Domke del US Forest Service (USFS)
  • 3.3: Il legno negli strumenti LCI e LCA, presentato da Maggie Wildnauer di Sphera
  • 3B: sessione di discussione
    • Guarda la registrazione:
Sessione 4: Il legno e l'edilizia
  • 4.1: Economia dei prodotti in legno, presentato da Pat Layton della Clemson University
  • 4.2: Andare oltre la neutralità nella contabilità del carbonio incorporata per i prodotti forestali, presentato da David Diaz di Ecotrust
  • 4.3: Riepilogo di ciò che abbiamo imparato, presentato da Edie Sonne Hall di Three Trees Consulting
  • 4B: sessione di discussione
    • Guarda la registrazione:

 

 

Domande e risposte

Durante i webinar, abbiamo raccolto le domande del pubblico e chiesto ai relatori di rispondere a quante più domande potevano. Queste domande e risposte possono essere scaricate di seguito:

  • Le 10 principali domande e risposte (PDF): un elenco curato delle prime dieci domande dei seminari Wood Carbon con le risposte fornite dai relatori del webinar. Questo contenuto è riprodotto anche di seguito.
  • Elenco principale di domande e risposte (PDF): un elenco di (quasi) tutte le domande presentate dal pubblico durante i seminari Wood Carbon con le risposte fornite dai relatori.

Fare clic sul pulsante a fisarmonica (+) all'estremità destra di ogni riga per vedere la risposta per ogni domanda.

 

Le 10 principali domande e risposte

(vuoto nascosto)
1. Quali sono i presupposti chiave alla base dell'attuale PCR per i prodotti in legno?
  • Che l'indagine rappresenti adeguatamente la produzione regionale. Anche se non possiamo mai conoscere il differenziale tra quelli che rispondono ai sondaggi e quelli che non lo fanno, poiché il legno è un prodotto di base e i margini di prezzo sono quindi molto piccoli, l'industria in quanto strutturata favorisce il produttore più efficiente. Durante la recessione del 2008, molti piccoli produttori meno efficienti hanno lasciato il mercato. Ora è dominato da grandi impianti di lavorazione altamente efficienti e altamente meccanizzati che mirano a un prodotto altamente uniforme al prezzo più basso possibile. Ciò tende ad uniformare la variabilità delle emissioni di produzione a livello regionale.
  • Che la foresta che fornisce le materie prime continui a essere gestita per la silvicoltura, in modo che il carbonio della foresta sulla base terrestre sia stabile. Nelle precedenti EPD questo era un componente opzionale del report. Secondo la nuova PCR, la segnalazione di questo componente è ora obbligatoria e coerente con gli standard ISO 21930 relativi al carbonio forestale.
  • Le reti regionali medie sono utilizzate dall'industria. In realtà potrebbe non essere così, in quanto possono produrre energia da soli con le proprie caldaie, quindi potrebbero essere migliori della rete media in luoghi con forte dipendenza dagli input fossili nella rete o leggermente peggiori nelle regioni con meno dipendenza dagli input fossili nella rete. griglia.

Risposta di Elaine Oneil (CORRIM)

2. Come vengono calcolate le EPD a livello di settore?
  • Primo: i dati regionali sono sviluppati sulla base di indagini dell'industria manifatturiera (segherie, impianti di compensato, produttori di legno lamellare, ecc.) E dei fornitori di legno. Sono dati reali basati su strutture reali. Poiché si tratta anche di dati di mercato, siamo tenuti a rendere anonimi i dati come prerequisito per ottenerli. Proprio come nel settore dell'edilizia e delle costruzioni, i concorrenti non condividono i loro fogli di offerta e nemmeno le aziende di prodotti forestali. In alcuni casi, i dati del fornitore di legno (silvicoltura) vengono sviluppati da dati modellati sulla crescita delle foreste, inventario forestale e pratiche di gestione informati dalla letteratura e da studi di serie temporali sulle operazioni forestali. In altri, si basa su dati di sondaggi, proprio come la produzione.
  • I dati regionali vengono sviluppati in un rapporto LCA (in genere 60-100 pagine di analisi e risultati dettagliati). I dati sono ponderati in base alle stime di produzione.
  • Questi dati regionali vengono quindi aggregati in una EPD a livello nordamericano in base alla percentuale relativa della quota di mercato che ciascuna regione ha nel mercato. Ciò risale al concetto che il legno è un prodotto di base e quindi può (ed è) spedito in qualsiasi parte del Nord America (o del mondo) in base alla domanda del mercato e all'offerta disponibile.

Risposta di Elaine Oneil (CORRIM)

3. Perché le EPD del legno non distinguono tra specie arboree e tipi di foresta?

Le EPD sono un documento di sintesi di un'analisi molto più ampia che include sia la produzione che la gestione e la crescita delle foreste. I dati sulle specie arboree e sulla gestione sono incorporati nei valori di input per il processo, ma sono a monte dell'output principale. In altre parole, un singolo albero potrebbe entrare in un pezzo di legno, OSB, compensato, legno lamellare, MDF o truciolato, e in effetti potrebbe entrare in più prodotti, quindi la granularità di `` questo albero che va a quel processo '' non è evidente nell'EPD, ma viene tracciato nei dati a monte che vengono inseriti nell'output finale (su base media ponderata) nella colonna "silvicoltura" della EPD.

Le specie arboree non sono poi così grandi come driver nell'LCA poiché la variabilità in SG (gravità specifica) che è il driver per il contenuto di carbonio non è così significativa tra le principali specie di conifere utilizzate per la maggior parte dei prodotti in legno industriali negli Stati Uniti.

Le strategie di rendimento e di gestione possono avere un impatto sui valori LCA, ma se valutiamo i dati regionali la maggior parte del legno proviene da tipi di gestione notevolmente simili all'interno di un contesto regionale. Quindi ci riferiamo al PNW come la regione dell'abete di Douglas perché produce principalmente abete di Douglas con un po 'di HemFir (cicuta / abete vero), il SE come SYP (pino giallo meridionale) e il legno della Columbia Britannica viene come SPF ( abete rosso / pino / abete) o se proviene dalla zona costiera HemBal (Hemlock / abeti veri).

Anche in questo caso, le EPD riferiscono di prodotti di base che rappresentano una parte significativa della produzione mondiale di legname di conifere.

Risposta di Elaine Oneil (CORRIM)

4. Come viene calcolata la neutralità del carbonio per il Nord America?

La maggior parte dei paesi è tenuta a segnalare le emissioni annuali di gas serra ai sensi della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC). Carbonio biogenico le emissioni di anidride carbonica sono calcolate confrontando gli stock di carbonio nelle foreste e nei prodotti forestali all'inizio e alla fine dell'anno. Se le scorte sono aumentate, significa che le emissioni di anidride carbonica biogenica sono state inferiori a zero. Se le scorte sono diminuite, significa che le emissioni di anidride carbonica biogenica erano maggiori di zero. (Ci sono sfumature per quanto riguarda le importazioni e le esportazioni di legno e prodotti in legno, ma possono essere considerate variazioni di questo approccio generale). Inoltre, le nazioni sono tenute a riportare, solo a scopo informativo, le emissioni di CO2 biogenica associate all'uso di biomasse per l'energia, ma queste non vengono aggiunte alle emissioni di CO2 da combustibili fossili perché ciò conterebbe due volte le emissioni di CO2 biogeniche (poiché queste emissioni sono già catturato dai calcoli di variazione delle scorte richiesti dall'UNFCCC). Molti altri metodi potrebbero essere usati per calcolare le emissioni di carbonio biogenico per un paese, ma secondo l'UNFCCC, i metodi sono specificati come descritto qui.

Risposta di Reid Miner (NCASI)

· Il flusso di carbonio è ancora neutro o negativo su scala regionale o su scala minore?

Il flusso netto di carbonio forestale varia a seconda della regione. Più piccola è la scala spaziale dell'analisi, più variabile è il flusso di anno in anno e da sito a sito. Inoltre, sono disponibili meno dati su scale minori. Nell'ambito del programma Forest Inventory and Analysis (FIA), il servizio forestale degli Stati Uniti raccoglie i dati sulle foreste a intervalli regolari. Il servizio forestale degli Stati Uniti spesso aggrega questi dati a livello regionale (nord, sud, montagne rocciose e costa del Pacifico), ma a volte i dati sono anche aggregati su scale spaziali più piccole. Il servizio forestale ha recentemente pubblicato un documento che mostra le emissioni di carbonio delle foreste su base statale (vedi Emissioni di gas serra e rimozioni da terreni forestali, boschi e alberi urbani negli Stati Uniti, 1990-2018). Questo rapporto indica che nel 2018 i serbatoi di carbonio netti delle foreste (ovvero l'aumento degli stock di carbonio delle foreste) esistevano in tutti gli stati tranne sei, Colorado, Idaho, Montana, New Mexico, Utah e Wyoming. Questi non sono grandi stati produttori di legno, ma sono spesso colpiti da incendi.

Risposta di Reid Miner (NCASI)

5. Perché la neutralità del carbonio è comunemente usata / presunta negli LCA del legno?

La neutralità del carbonio non è assunta o utilizzata negli LCA del legno. Invece, calcoliamo i flussi di carbonio in termini di input e output e misuriamo la differenza. L'EPD richiede la conferma (a) che gli stock netti di carbonio di quel paese di origine del legno sono stabili o in aumento, oppure (b) la fibra proviene da una foresta certificata. Il carbonio biogenico entra quindi nel sistema del prodotto come carbonio sequestrato (indicato come rimozione) e le sue emissioni vengono tracciate e riportate nelle fasi in cui si verificano.

Risposta di Elaine Oneil (CORRIM)

6. Tutto il carbonio biogenico negativo non è un'emissione ritardata? Il vero vantaggio dei prodotti in legno non è il fatto che c'è l'opportunità di rimuovere e immagazzinare il carbonio nel legno (negli edifici o nelle discariche) mentre la foresta sta recuperando il carbonio emesso in nuove foreste?

Gli standard pertinenti (ISO 21930 e PCR dei prodotti in legno) specificano che nessun credito viene concesso sulla base dell'emissione ritardata e che le emissioni ritardate possono essere riportate solo come informazioni aggiuntive. I vantaggi dello stoccaggio del carbonio negli EPD riguardano lo stoccaggio permanente del carbonio. L'EPA statunitense ha stabilito, sulla base di dati sperimentali, che 88% di carbonio da legname è immagazzinato permanentemente nella discarica: Documentazione sull'emissione di gas serra e sui fattori energetici utilizzati nel modello di riduzione dei rifiuti (WARM) (2019).

Risposta di James Salazar (Coldstream Consulting / Athena Sustainable Materials Institute)

7. Le pratiche di gestione del legno e della silvicoltura sono state salutate come il tipo di costruzione più sostenibile a causa della natura del legno e del potenziale di gestione forestale, ma cosa si sta facendo / studiando in termini di potenziali rischi e cadute? Cosa si sta facendo per combattere l'uso di dati distorti o pratiche tutt'altro che ideali nel nome della produzione sostenibile del legno?

È importante conoscere in generale il paese da cui proviene il tuo legno in quanto ciò ti dirà il rischio relativo di avere un legno proveniente da pratiche non sostenibili. Negli Stati Uniti e in Canada, questo rischio è basso e ci sono ampie informazioni e relazioni annuali che lo confermano. Inoltre, 47% di tutte le foreste in Canada sono certificate e 19% negli Stati Uniti, che è ben al di sopra della media globale di 11%.

Alcune importanti risorse sono condivise di seguito:

A livello nazionale, sia gli Stati Uniti che il Canada monitorano le prestazioni sugli indicatori chiave di sostenibilità: vedere https://www.fs.fed.us/research/sustain/criteria-indicators/ per gli Stati Uniti e https://www.nrcan.gc.ca/our-natural-resources/forests-forestry/state-canadas-forests-report/sustainability-indicators/20016 per il Canada. Questi indicatori riguardano sia i terreni privati che quelli pubblici. Le foreste certificate riferiscono anche annualmente sui progressi: vedere il rapporto annuale sullo stato di avanzamento SFI (https://www.sfiprogram.org/progressreports/), rapporto FSC (https://annual-reports.fsc.org/en). Il rapporto USFS BMP (https://www.fs.fed.us/naturalresources/watershed/bmp.shtml) riassume le migliori pratiche di gestione associate alla gestione forestale all'interno dei bacini idrografici e la percentuale di attuazione per stato. The State of America's Forests (www.usaforests.org), compila una RICCHEZZA di informazioni associate ai vantaggi, alle minacce e alla gestione delle foreste statunitensi. Le Land Grant University e altre stanno facendo ricerche sulle foreste e lo fanno dall'inizio del XX secolo. NCASI.org è un altro grande programma di ricerca su silvicoltura, acqua e fauna selvatica. Molti impianti di produzione dispongono di energia da biomassa e alcuni aggiungono energia solare per supportare i mulini. Penso che scoprirai che la produzione di foresta / legno è diversa da altri prodotti concorrenti non legnosi sul mercato.

Nei paesi con una cattiva governance e / o usi del suolo concorrenti è importante procurarsi il legno da foreste certificate.

Risposta di Elaine Oneil (CORRIM)

Edie Sonne Hall (Three Trees Consulting)

8. Quali sono alcune critiche fondamentali agli attuali quadri per la contabilità del carbonio?

Le critiche alla contabilità del ciclo di vita delle foreste e dei prodotti forestali da parte della comunità di conservazione generalmente indicano le ipotesi sottostanti e la portata limitata dell'analisi per le LCA piuttosto che una critica alla LCA come approccio contabile in generale.

  • Forse la critica più comune è legata alla scala geografica dell'assunzione di neutralità per il "carbonio biogenico" e alle definizioni di "sostenibilità". La pratica comune di trattare tutto il “carbonio biogenico” come carbon neutral se l'area forestale totale o lo stoccaggio di carbonio delle foreste in un paese non è in declino ignora chiaramente le differenze tra regioni e proprietari che sono direttamente osservabili.
  • Anche il fatto che gli stock di carbonio nel suolo siano spesso considerati stabili, o modellati piuttosto che misurati, è una critica comune, sebbene molti studi dimostrino che il carbonio nel suolo è relativamente stabile nel tempo in un sistema forestale, con la maggiore differenza che si verifica nella conversione lontano da o verso una foresta. A causa dell'elevata variabilità e dei costi, la misurazione diretta dello stock di carbonio nel suolo rimane un ostacolo importante.
  • C'è anche un dibattito significativo nelle comunità scientifiche, industriali e di conservazione sul se e come gli LCA debbano prendere in considerazione scenari alternativi di utilizzo del suolo o di gestione (ad esempio, lasciare una foresta non gestita o ipotizzare un altro tipo di "linea di base") e considerare "rinunciato" sequestro." Queste preoccupazioni si spostano in una LCA "consequenziale" piuttosto che "attributiva", che è anche il luogo in cui si trovano questioni controverse relative a ipotesi e metodi per stimare l'impatto della sostituzione del legno con prodotti non legnosi.
  • L'ambito degli LCA è stato criticato sia in termini di quali impatti sono comunemente considerati (ad esempio, potenziale di riscaldamento globale) e quali non lo sono (impatti sulla biodiversità, specie minacciate e in pericolo, qualità dell'acqua) sia per il trattamento differenziale di alcuni stock di carbonio ed emissioni come in-scope o out-of-scope (ad esempio, la decomposizione del taglio dopo i raccolti).
  • Gli LCA sono stati concepiti e tradizionalmente applicati per sistemi ingegnerizzati piuttosto che biologici. La scienza degli ecosistemi include molti metodi per monitorare gli stock e i flussi attraverso gli ecosistemi forestali e non forestali che sono concettualmente analoghi ai metodi LCA, ma molti stock e flussi dell'ecosistema rimangono scarsamente riflessi negli LCA.
  • Anche il periodo di tempo considerato dalle LCA è stato criticato. La raccolta insostenibile e la conversione dell'uso del suolo che hanno portato alla liquidazione della maggior parte delle foreste temperate del mondo negli ultimi 200-300 anni sono generalmente fuori portata, mentre la deforestazione e il degrado contemporanei nelle foreste tropicali sono generalmente nell'ambito di applicazione , sollevando preoccupazioni simili a quelle riguardanti la responsabilità storica per le emissioni di gas a effetto serra dei paesi industrializzati.

Risposta di James Salazar (Coldstream Consulting / Athena Sustainable Materials Institute)

9. Se aumentiamo la domanda, raccoglieremo troppo?

Questa è una grande domanda e l'evidenza empirica mostra che i proprietari di terreni forestali rispondono alla crescente domanda di prodotti in legno piantando più alberi. A livello globale, i paesi con il più alto numero di tondini industriali (il termine usato per descrivere il legno viene trasformato in un prodotto commerciale) hanno le scorte di carbonio più stabili o in aumento e i tassi di deforestazione più bassi (cambiamento di destinazione del suolo). È vero anche il contrario (i paesi con scarso raccolto registrano i tassi di deforestazione più elevati).

Negli Stati Uniti, ad esempio, prima della Grande Recessione, i livelli di raccolto sono aumentati di 35% dal 1952 e il volume delle foreste è aumentato di 50% nello stesso periodo di tempo (USFS 2014. Fatti sulle risorse forestali e tendenze storiche). In Svezia, sia i raccolti che il volume delle foreste sono raddoppiati negli ultimi 60 anni (Royal Academy of Agriculture and Forestry. 2009. The Swedish Forestry Model).

Alcuni risultati del rapporto di valutazione del Resource Planning Act dell'USFS (2010): “Se lo sviluppo tecnologico futuro e le richieste di legno forniscono maggiori entrate da legname, l'esperienza storica suggerisce che le foreste e la gestione forestale prospereranno. Se il valore del legname diminuisce, tuttavia, attraverso un uso di basso valore, una domanda limitata o uno sviluppo insufficiente della tecnologia dei prodotti forestali, la futura sostenibilità delle foreste sarà compromessa "

L'IPCC ha anche riassunto: “Piuttosto che portare a una perdita su larga scala di terreni forestali, i mercati in crescita per i prodotti degli alberi possono fornire incentivi per mantenere o aumentare gli stock forestali e la copertura del suolo e migliorare la salute delle foreste attraverso la gestione (IPCC 2014).

                                                                                                Risposta di Edie Sonne Hall (Three Trees Consulting)

10. Tutti questi modelli aspettano con impazienza il lungo periodo. Cosa dovremmo fare oggi per fare una significativa differenza di carbonio nei prossimi 30 anni? Cosa possono fare i costruttori interessati per sostenere un maggiore stoccaggio di carbonio nelle foreste e aiutare a mantenere le foreste come foreste?

Il modo più semplice per fare una differenza significativa di carbonio nelle foreste è ottenere più carbonio nelle foreste senza ridurre il raccolto (altrimenti devi affrontare le complicazioni della contabilizzazione delle perdite - o ad altre foreste o ad altri materiali che hanno carbonio incorporato più alto).

Le seguenti strategie possono aumentare il carbonio delle foreste senza influire sui livelli di raccolta e impedire la conversione del terreno in una non foresta:

  1. Pianta nuove foreste
  2. Gestisci le foreste per la produttività
  3. Riduce il rischio di incendi, insetti, mortalità.

Consigli per architetti, ingegneri, proprietari e altri costruttori:

  • Utilizzare maggiormente i prodotti in legno per incoraggiare i proprietari terrieri a mantenere le foreste come foreste ea gestirle.
  • Fai un lavoro migliore nell'usare il legno che ottieni. CORRIM ha recentemente tenuto un seminario sull'economia circolare (https://corrim.org/circular-economy-workshop/) dove un presentatore (Alan Organschi di Gray Organschi Architects) ha parlato di questa esigenza. Anche se pensavo che l'intero evento fosse spettacolare se hai solo un tempo limitato, ascolta il suo discorso per alcune fantastiche ispirazioni sull'uso del legno come soluzione di mitigazione del clima.  https://corrim.org/designing-a-global-carbon-sink/
  • Richiedi la certificazione. Chiedere qualsiasi divulgazione sul carbonio e altri impatti ambientali che il fornitore può fornire sulla foresta o sull'azienda che ha prodotto i tronchi.
  • Richiedi fonti SFI, PEFC, FSC.
  • Pensa locale.
  • Domanda che uno specificatore può chiedere: da dove proviene questo legno? I fornitori di legno sono certificati e / o operano in un ambiente ben regolamentato in cui prevale lo stato di diritto? Le risorse forestali nella regione di fornitura stanno aumentando o diminuendo?

Risposta da:

Elaine Oneil (CORRIM)

Pat Layton (Clemson University)

Edie Sonne Hall (Three Trees Consulting)

 

 

Altre risorse

it_ITItalian