Risorsa politica:

1 - Carbonio incorporato 101

Questa risorsa mira a fornire una panoramica di alto livello del carbonio incorporato: come viene definito, il suo significato nella crisi climatica globale e perché è una considerazione importante per i responsabili politici.
Versione: 17 dicembre 2020
Il carbonio incorporato si riferisce alle emissioni di gas serra derivanti dalla produzione, trasporto, installazione, manutenzione e smaltimento dei materiali da costruzione. Il carbonio incorporato è una percentuale significativa delle emissioni globali e richiede un'azione urgente per affrontarlo.

Figura 1. Carbonio incorporato (giallo) e carbonio operativo (blu) nelle fasi chiave del ciclo di vita di un edificio.

Comprensione del carbonio incorporato

Misurazione del carbonio incorporato

Nell'industria edile, carbonio incarnato si riferisce alle emissioni di gas serra derivanti dalla produzione, trasporto, installazione, manutenzione e smaltimento dei materiali da costruzione. In contrasto, carbonio operativo si riferisce alle emissioni di gas serra dovute al consumo energetico degli edifici.

Per quantificare le emissioni di gas serra e i loro potenziali effetti sul cambiamento climatico, gli scienziati utilizzano un metodo chiamato valutazione del ciclo di vita (LCA) per monitorare le emissioni prodotte durante l'intero ciclo di vita di un prodotto o processo. Queste emissioni vengono convertite in parametri che riflettono i loro potenziali effetti sull'ambiente. Una di queste metriche è potenziale di riscaldamento globale (GWP), che viene quantificato in chilogrammi di CO2 equivalente (kg CO2e). Questa quantità è anche comunemente indicata come a impronta ecologica.

Il carbonio incarnato è una questione urgente

Secondo il Accordo di Parigi, per evitare una traiettoria irreversibile e catastrofica del cambiamento climatico, le temperature medie globali non devono superare i 2 ° C. Poiché (1) le emissioni si accumulano nell'atmosfera e (2) il tempo rimanente prima dell'arrivo di questo punto di svolta è limitato, le emissioni rilasciate ora sono più critiche delle emissioni rilasciate successivamente.

La maggior parte del carbonio incorporato totale di un edificio viene rilasciato in anticipo nella fase del prodotto all'inizio della vita di un edificio (vedere la Figura 2). A differenza del carbonio operativo, non vi è alcuna possibilità di diminuire il carbonio incorporato con aggiornamenti in termini di efficienza dopo la costruzione dell'edificio. C'è un urgente bisogno di affrontare il carbonio incorporato ora per raggiungere gli obiettivi climatici a breve e lungo termine. Per ulteriori informazioni su questo concetto, vedere Il valore temporale del carbonio.

Figura 2.  Impatto relativo del carbonio incorporato e operativo di un nuovo edificio nel periodo 2020-2050. Origine dei dati: Studio di benchmark sul carbonio incorporato e Indagine sul consumo energetico degli edifici commerciali (CBECS), ipotizzando una palazzina uffici di medie dimensioni. Presuppone la decarbonizzazione graduale della rete a zero entro il 2050.

L'impronta globale del carbonio incorporato

Circa 30% di tutte le emissioni globali di carbonio sono attribuite al settore edile, con almeno 8% risultanti dalla produzione di materiali da costruzione (vedi Figura 3). Una percentuale aggiuntiva delle emissioni globali può essere attribuita al carbonio incorporato proveniente dai settori dell'industria e dei rifiuti.

A meno che non agiamo presto per ridurre le emissioni derivanti dalla produzione di materiali da costruzione, queste emissioni continueranno ad aumentare a causa di:

  • Aumento della domanda globale di materiali da costruzione per accogliere la crescita della popolazione, in particolare nelle città
  • Sostituzione di infrastrutture obsolete, che negli Stati Uniti rappresentano un investimento di circa $4,6 trilioni, secondo Report Card 2017 di ASCE per le infrastrutture americane
  • Diminuzione della proporzione relativa delle emissioni dalle operazioni di costruzione poiché l'efficienza energetica degli edifici continua a migliorare

 

Figura 3. Emissioni globali di CO2 per settore. Adattato da Rapporto sullo stato globale dell'UNEP 2019 e OurWorldInData.org sulla base dei dati di Climate Watch, il World Resources Institute. Le emissioni di materiali da costruzione si verificano anche nei settori Industria ed Energia> Industria.

Strategie politiche per affrontare le emissioni industriali

Le emissioni industriali richiedono nuove strategie

Due delle maggiori fonti di emissioni del settore industriale sono (1) la produzione di cemento e (2) la produzione di ferro e acciaio (IEA). La riduzione delle emissioni di cemento e acciaio richiede un approccio unico perché la produzione di entrambi questi materiali include:

  • Reazioni chimiche che direttamente emettere anidride carbonica; e
  • Processi ad alta intensità energetica che richiedono calore molto elevato e (spesso) combustione in loco di combustibili fossili.

Una transizione di successo alla produzione pulita richiede quindi strategie che vadano oltre le riduzioni energetiche per considerare una serie di strategie di riduzione e rimozione delle emissioni di carbonio.

Mentre la riduzione del carbonio incorporato negli edifici inizia con un'azione nel settore industriale, l'industria delle costruzioni ha un ruolo chiave creando una domanda di mercato per prodotti a basse emissioni di carbonio. La politica pubblica e privata possono entrambe inviare un segnale ai produttori che è tempo di investire in soluzioni a breve e lungo termine.

Affrontare la scappatoia del carbonio

Le politiche di approvvigionamento sono una leva chiave per incorporare una più ampia suite di strategie di riduzione ed evitare la scappatoia del carbonio. Il scappatoia di carbonio è una lacuna politica che consente a una regione di ridurre le emissioni sulla carta esternalizzando le proprie emissioni di produzione in un'altra regione. Circa 25% delle emissioni globali sono incorporate in beni scambiati che passano attraverso questa scappatoia (KGM & Associates e Global Efficiency Intelligence).

Questa scappatoia esiste perché le emissioni sono in genere attribuite al paese o all'ubicazione di origine. Questo metodo lascia la posizione della fonte per monitorare e regolare le emissioni di un prodotto, quindi si traduce in un vantaggio economico ingiusto per i prodotti a più alto tenore di carbonio prodotti in paesi con politiche ambientali meno avanzate.  

Per incoraggiare la riduzione delle emissioni piuttosto che l'outsourcing delle emissioni, le politiche dovrebbero concentrarsi sulla misurazione e sulla riduzione del carbonio incorporato nella progettazione e costruzione di edifici. 

 

Risorse per la politica del carbonio incorporate

it_ITItalian