Risorsa politica:

Politiche di approvvigionamento per ridurre il carbonio incorporato

Questo documento fornisce una panoramica dell'opportunità per i proprietari di edifici, gli inquilini e gli sviluppatori di ridurre le emissioni di gas serra dei materiali da costruzione attraverso le loro politiche di approvvigionamento. Maggiori informazioni sulle opportunità per affrontare il carbonio incorporato con la politica possono essere trovate nel Toolkit per proprietari di Carbon Leadership Forum

Versione: 3 maggio 2021

Le emissioni di acquisto sono significative

Le aziende hanno assunto un ruolo di primo piano nella definizione degli obiettivi di riduzione delle emissioni derivanti dalle operazioni impegnandosi a zero netto, acquistando energia rinnovabile e migliorando l'efficienza dei loro portafogli di edifici. Un numero crescente di organizzazioni sta anche affrontando le proprie emissioni nella catena di approvvigionamento.

Le emissioni della catena di approvvigionamento, note anche come carbonio incorporato anticipato, sono le emissioni di gas serra associate all'estrazione, al trasporto e alla produzione a monte dei materiali prima che un prodotto venga venduto a un consumatore.

Le emissioni di acquisto di un'azienda sono significative. Dati raccolti tramite Catena di fornitura CDP nel 2020 rivela che le emissioni della catena di approvvigionamento delle aziende sono in media 11,4 volte superiori alle loro emissioni operative (vedi Figura 1). Ciò significa che quando le aziende si sforzano di ridurre le emissioni della catena di approvvigionamento, possono avere un impatto positivo più di 10 volte superiore, creando un'ondata di azioni positive in tutte le loro catene del valore.

Figura 1. In media, le emissioni della catena di approvvigionamento di un'azienda sono 11,4 volte superiori alle emissioni operative (Catena di fornitura CDP). 

Investitori, sviluppatori e proprietari e locatari di edifici pubblici e privati possono sfruttare il loro potere d'acquisto per decarbonizzare le catene di approvvigionamento associate ai prodotti acquistati adottando politiche di approvvigionamento di carbonio incorporate per reperire prodotti a basse emissioni di carbonio e coinvolgere i fornitori nell'obiettivo di una catena di approvvigionamento zero. Questo documento si concentra sulle strategie per ridurre queste emissioni della catena di approvvigionamento legate ai materiali da costruzione.

 

La trasparenza è fondamentale

La richiesta di trasparenza da parte dei produttori consente alle aziende di fissare obiettivi di emissioni e monitorare i progressi verso i propri obiettivi. Molte aziende si concentrano sull'utilizzo di strumenti di tracciamento della catena di approvvigionamento e valutazione olistica dei fornitori con fornitori chiave da cui acquistano direttamente per implementare le strategie e gli obiettivi di sostenibilità della catena di approvvigionamento. Tuttavia, limitare l'attenzione ai fornitori chiave potrebbe non influenzare l'approvvigionamento di materiali da costruzione ad alta intensità di carbonio acquistati indirettamente tramite un appaltatore su base progetto per progetto.

Per i materiali da costruzione, i dati di valutazione del ciclo di vita possono essere raccolti sotto forma di dichiarazione ambientale di prodotto (EPD) per aiutare le aziende a tracciare e valutare in anticipo il carbonio incorporato, anche se acquistato da terzi.

Che cos'è una dichiarazione ambientale di prodotto?

Una dichiarazione ambientale di prodotto (EPD) rivela l'impronta ambientale di un prodotto. Le EPD di tipo III sono documenti verificati da terze parti scritti in conformità con gli standard stabiliti dall'International Standards Organization (ISO) che riportano gli impatti ambientali di un prodotto sulla base della valutazione del ciclo di vita. 

Gli EPD possono riportare una varietà di impatti sul ciclo di vita, incluso il potenziale di riscaldamento globale (GWP). Il GWP è quantificato in chilogrammi di CO2 equivalente (kg CO2e). Per ulteriori informazioni, vedere Guida alla divulgazione del carbonio incorporata.

Iniziare

Che si tratti di iniziare con alcuni progetti pilota o di integrare le pratiche nel portafoglio di un'azienda, ci sono diverse strategie chiave da tenere a mente:  

  • Inizia con alcuni high-immateriali del patto che vengono generalmente acquistati in grandi quantità
  • Richiedere trasparenza sotto forma di EPD
  • Valuta i prodotti per il carbonio invece del solo costo e imposta obiettivi di riduzione delle emissioni per ogni materiale
  • Tieni traccia del successo richiedendo ai team di progetto di inviare quantità di materiale e dati sul carbonio incorporati

 

Componenti chiave della politica di approvvigionamento

La tabella 1 di seguito fornisce un riepilogo dettagliato di cinque componenti chiave di una politica di approvvigionamento, dal minimo alla migliore pratica.

Tabella 1. Cinque passaggi per progettare una politica di approvvigionamento a basse emissioni di carbonio. Ogni passaggio fornisce tre livelli di azione adatti alle organizzazioni che hanno appena iniziato ("Buono"), alle organizzazioni con più esperienza nell'implementazione di requisiti di approvvigionamento sostenibile ("Migliore") e ai leader della sostenibilità che definiscono lo standard per le migliori pratiche ("Migliore"). Il '+' indica dove i requisiti si basano sulla colonna precedente (ad esempio, 'Buono' + 'Migliore' + 'Migliore').

 

Buona (iniziare)

Meglio (prossimi passi)

Migliore (leader della sostenibilità)

Stabilire quali materiali e progetti sono inclusi nell'ambito della politica
Nuova costruzione Inizia con i materiali strutturali (cemento, acciaio e legno come minimo) Esegui una valutazione del ciclo di vita dell'intero edificio dell'intero ambito dell'edificio e includi i primi 10 materiali in base all'impatto (punti caldi del carbonio incorporati) nella politica + Includere i materiali dell'involucro edilizio (come minimo isolamento, alluminio, vetro e rivestimento) e le finiture (come minimo piastrelle del soffitto, cartongesso e pavimento)
Inquilino
Allestire
Inizia con l'isolamento, il cartongesso, i pannelli del controsoffitto e il pavimento (almeno) + Includere elementi interni aggiuntivi dove sono già disponibili EPD (intelaiatura a parete, cablaggio dati) o utilizzare il Calcolatrice TI di CLF per identificare i tuoi primi 10 hotspot + Includere finiture aggiuntive (mobili e laminatoi) ed elementi meccanici, elettrici e idraulici (MEP) (condotti, cavi, condotti, tubi, apparecchiature e isolamento)
Stabilire requisiti di dati di carbonio incorporati per il monitoraggio della conformità
 

Richiedere EPD per i prodotti identificati nella Fase 1 nelle specifiche del progetto.

Nota: non è necessaria una EPD per i materiali riutilizzati (recuperati). Questo non include nuovi materiali con contenuto riciclato, che dovrebbe essere richiesto per avere un EPD.

Richiedere una EPD di tipo III specifica del prodotto per i prodotti identificati nella Fase 1 e integrare i requisiti nelle specifiche del progetto e nelle politiche di approvvigionamento.

Identifica i fornitori chiave e invia lettere di richiesta ai fornitori che non dispongono di EPD.

+ Fornire finanziamenti e/o supporto tecnico per la creazione di EPD ai fornitori, come quelli che sono piccole imprese, che sviluppano materiali innovativi a basse emissioni di carbonio o soddisfano i requisiti di diversità dei fornitori.
Stabilisci obiettivi di emissione per ogni prodotto e come cambieranno nel tempo
  Adottare un obiettivo di riduzione 30% per il potenziale di riscaldamento globale (GWP) dalla culla al cancello dalla media del settore per i materiali identificati nella fase 1. Richiedere che il GWP del prodotto installato sia compreso tra i prodotti 20% con le prestazioni più elevate, come definito dalla linea di base "ottenibile" pubblicata nel Linee di base sui materiali CLF o un obiettivo ad alte prestazioni fissato dall'azienda. Stabilire una linea di base aziendale e impegnarsi a raggiungere il GWP netto pari a zero entro il 2040 adottando obiettivi di riduzione % che aumentano nel tempo, come gli obiettivi pubblicato da Architettura 2030
Stabilire incentivi per i produttori/appaltatori per ottenere prestazioni elevate
Prestazione Includere il monitoraggio delle emissioni dei fornitori e gli sforzi di riduzione nelle revisioni aziendali trimestrali o annuali con i fornitori. Assegnare un bonus di prestazione al completamento del progetto agli appaltatori che consegnano il progetto o i materiali al di sotto di un obiettivo predefinito di riduzione delle emissioni % Fornire supporto finanziario e/o tecnico ai fornitori per scalare lo sviluppo di soluzioni a basse emissioni di carbonio.
Offerte/RFP Valuta l'impatto sul carbonio insieme al prezzo e ad altre qualifiche durante la selezione dell'offerta. Utilizzare i dati sul carbonio incorporati per adeguare il prezzo di ciascuna offerta tramite prezzi ombra o un tasso di sconto sulla performance applicato al prezzo delle offerte sul carbonio più basse (vedere la sezione 4.2 di Passaggi per sviluppare una politica di acquisto pulito). Richiedere che gli offerenti non possano essere selezionati a meno che non soddisfino una serie di criteri di approvvigionamento a basse emissioni di carbonio
Creare un sistema per monitorare e misurare il successo
  Crea un sistema per tenere traccia delle quantità di materiale, dei dati sul carbonio incorporati e delle riduzioni progetto per progetto. + Pubblicare i progressi verso gli obiettivi all'esterno attraverso casi di studio e includendo obiettivi di carbonio incorporati nei rapporti annuali di sostenibilità. + Pubblica la quantità materiale e i dati sul carbonio incorporati in un database pubblico anonimo. Ad esempio, fai clic su "Anonimizza e pubblica" in il calcolatore del carbonio incorporato nella costruzione (EC3) attrezzo.

 

EPD, linee di base e obiettivi

Trovare e richiedere EPD

Richiedere ai fornitori di divulgare i dati sul carbonio incorporati (tramite EPD) è fondamentale per verificare i progressi verso gli obiettivi di riduzione delle emissioni. Questa sezione fornisce una panoramica dei modelli e degli strumenti gratuiti per iniziare.

Modelli: raccolta di EPD

Proprio come con altri requisiti di certificazione dei materiali, i requisiti EPD e gli obiettivi di emissione dovrebbero essere inclusi nei requisiti e nelle specifiche dello sviluppatore/proprietario per garantire il successo avvisando i team di progetto il prima possibile.

  • Modello di lettera di richiesta EPD (Trasparenza degli edifici 2020). Questo può essere inviato ai rappresentanti del prodotto per richiedere EPD. Le lettere possono essere inviate per un progetto e materiale specifico o in anticipo ai principali fornitori. 
  • Specifiche del modello LCA (Forum sulla leadership del carbonio 2018). Questo è stato sviluppato da ingegneri strutturali per fornire un linguaggio modello da includere nelle specifiche per richiedere dati sul carbonio incorporati per i materiali strutturali. 
  • Lingua del documento di offerta del modello (Trasparenza degli edifici 2020). Questo è stato sviluppato per appaltatori/squadre di approvvigionamento da condividere con gli offerenti per calcestruzzo, acciaio, isolamento, vetri, alluminio per sistemi di vetri, telai metallici formati a freddo, pannelli di cartongesso, pannelli per controsoffitti e moquette.

Strumenti: trovare EPD

Costruire la trasparenza Calcolatore di carbonio incorporato nella costruzione (EC3) può aiutare i team a individuare le EPD utilizzando la funzione "Trova e confronta materiali" che include tutte le EPD nordamericane per le categorie di materiali disponibili, concentrandosi sul potenziale di riscaldamento globale dalla culla al cancello di ciascun prodotto. A partire da aprile 2021, le categorie includono calcestruzzo, acciaio, alluminio, legno, isolamento, aperture, finiture e cablaggio dati.

Le EPD possono essere trovate anche nelle librerie di materiali sostenibili che affrontano attributi materiali aggiuntivi come la qualità dell'aria interna. I prodotti con EPD possono essere identificati in mindfulMATERIALS biblioteca sotto "Profilo ambientale" e attraverso le menti sostenibili Catalogo trasparenza.

Fissare le linee di base e gli obiettivi di riduzione

Sebbene le linee di base specifiche dell'azienda siano le migliori per stabilire le linee di base delle emissioni e gli obiettivi di riduzione, i dati sulla quantità di materiale e sul carbonio incorporato dai progetti precedenti potrebbero non essere prontamente disponibili per l'uso nel calcolo delle linee di base.

Il Linee di base materiali del Carbon Leadership Forum può essere utilizzato per aiutare i team a stabilire linee di base e obiettivi per i prodotti nordamericani. Le linee di base CLF sono pubblicate annualmente e forniscono tre linee di base che stabiliscono i valori realizzabili (bassi), tipici (mediani) e di base (alti) per ciascun materiale in base ai dati di prodotto nordamericani. Le linee di base del 2021 coprono oltre 30 tipi di prodotti in calcestruzzo, acciaio, legno e compositi, isolamento, finiture, comunicazioni e materiali sfusi.

Lo strumento EC3 integra le linee di base CLF e fornisce valori simili per i prodotti all'interno di una singola ricerca (Per saperne di più Qui). La funzione "Pianifica e confronta edifici" può essere utilizzata anche per aiutare i team di progetto a monitorare i progressi verso gli obiettivi.

Oggi è possibile ottenere una riduzione di 30% o superiore sulla maggior parte dei progetti con un aumento minimo o nullo dei costi, concentrandosi solo su pochi materiali ad alto impatto e utilizzando solo materiali prontamente disponibili.

Il credito pilota LEED BD+C New Construction “Approvvigionamento di materiali da costruzione a basse emissioni di carbonio” pubblicato nel 2019 assegna alle squadre 1 punto per le riduzioni di fascia bassa (tra 0-30%) e 2 punti per le riduzioni di fascia media (sopra 30%) dalle linee di base.

Per fare riferimento ad esempi di quali impegni pubblici di riduzione delle emissioni le aziende stanno assumendo in relazione al carbonio incorporato, visita il Carbon Leadership Forum's Toolkit del proprietario.

  Argomento di studio: Sede centrale di LinkedIn 

Durante la costruzione della loro nuova sede nella Silicon Valley, LinkedIn è stato in grado di ottenere una riduzione di 30% rispetto alla media del settore in termini di carbonio incorporato in anticipo attraverso strategie di approvvigionamento da sole, collaborando con il proprio fornitore di calcestruzzo per procurarsi una miscela di calcestruzzo a basse emissioni di carbonio. 

Scopri di più sul case study della sede centrale di LinkedIn e ulteriori opportunità e strategie per ridurre il carbonio incorporato attraverso l'approvvigionamento in Playbook sugli acquisti aziendali di Breakthrough Energy.

Risorse per la politica del carbonio incorporate

it_ITItalian