28 luglio 2020

Decarbonizzazione ed equità sociale

Gestione ambientale e responsabilità sociale: possiamo fare tutto

Di Donald I. Re FAIA

scuola colman

Ingresso alla Colman School. La riprogettazione degli interni includeva l'abbassamento del piano principale fino al precedente livello seminterrato e l'abbassamento ad arte della porta d'ingresso. Credito fotografico: Fawn Art Photography

Eco-consapevolezza e vendita del design verde

Per molti di noi che hanno lavorato per decenni in comunità a basso reddito, combinare applicazioni di bioedilizia con una preoccupazione per l'equità economica e sociale è un passo logico successivo.

Tuttavia, la maggior parte dei membri delle popolazioni svantaggiate non sono così consapevoli dal punto di vista ambientale come vorremmo che fossero. Fino a poco tempo, questi gruppi erano esclusi dal movimento di progettazione e costruzione verde. Il design sostenibile non è stato ampiamente accolto dalle comunità a basso reddito a causa dell'idea sbagliata che sia più costoso e la certificazione, come misura promossa di un progetto verde di successo, difficile da raggiungere.

Questo sentimento è stato sfruttato durante l'iniziativa fiscale "sacchetti di plastica" di Seattle del 2008. L'American Chemistry Council e 7-Eleven Stores sono stati i principali donatori della Coalizione per fermare la "tassa sui bagagli".

La piccola tassa, un disincentivo a ridurre la domanda di sacchetti della spesa in plastica, è stata propagandata nelle comunità minoritarie come una tassa "regressiva" con un impatto sproporzionato sui quartieri poveri. La tattica ha funzionato e l'iniziativa è stata quasi sconfitta. Per coloro che hanno familiarità con le dinamiche sociali prima di questa campagna, questa non è stata una sorpresa. Il sostegno alle iniziative verdi è molto diverso tra quartieri bianchi a reddito alto e quartieri colorati a basso reddito. L'esempio della tassa sui bagagli, sebbene meno rilevante per le questioni di progettazione sostenibile, è un ottimo esempio delle sfide che ci attendono. Il movimento ambientalista ha escluso gran parte della popolazione dalla sua missione e ha lasciato il discorso, in queste comunità escluse, aperto agli oppositori.

La metodologia LEED ™ (Leadership in Energy and Environmental Design), sebbene di grande beneficio, è stata così dominante nel nostro settore della progettazione e delle costruzioni che per molti è considerata l'unico standard misurabile. Credenziali di accreditamento d'élite e costosi processi di certificazione spesso scoraggiano alcuni sviluppatori di progetti meno abbienti dall'adottare azioni ecologiche ad alto impatto e convenienti.

In questo periodo di promozione dell'eco-economia, stiamo assistendo al primo accoppiamento diffuso di tecniche verdi con nuove opportunità di lavoro. Gli architetti socialmente consapevoli devono assumere un ruolo guida nel promuovere una causa più inclusiva consigliando ai loro clienti i vantaggi in termini di costi di progetti che sono accessibili da costruire, più facili da mantenere e che trasferiscono vantaggi economici e ambientali agli utenti finali. Questo approccio può contribuire alla proliferazione di lavori da colletto verde per tutti.

Demistificare i benefici di un'economia decarbonizzata per le popolazioni a basso reddito è la chiave per la loro inclusione. Le chiacchiere e il successo tangibile promuovono l'idea che "verde per tutti" è un bene per tutti. Una maggiore esposizione all'inquinamento nei quartieri a basso reddito, strutture che consumano risorse e costi energetici più elevati gravano in modo sproporzionato sui poveri. L'ineguaglianza sociale della nostra società inquinante e dispendiosa può essere vista nel maggior volume di problemi di salute a base ambientale e di edifici disfunzionali con alti costi di utilità nelle comunità svantaggiate. 

Poiché i nostri edifici hanno un impatto su tutti, possiamo iniziare a risolvere una moltitudine delle nostre più grandi sfide sociali con approcci di bioedilizia. Come progettisti dell'ambiente costruito, dobbiamo intensificare il nostro impegno per migliorare la qualità della vita di tutte le persone.

Dobbiamo fare ogni sforzo per mostrare alla comunità nera, in particolare, le possibilità e i vantaggi che derivano da un approccio rispettoso dell'ambiente. Dobbiamo sostenere l'idea di come una società attenta all'ambiente possa ridurre le emissioni di carbonio, diminuire la dipendenza dai combustibili fossili, ridurre i costi legati all'energia, migliorare i risultati sanitari e creare posti di lavoro stabili per quegli americani che sono stati esclusi dai recenti guadagni economici. In un momento in cui il paese è in transizione sociale, noi nella professione siamo ben posizionati per incoraggiare la leadership della comunità a migliorare in modo permanente l'ambiente costruito nelle comunità precedentemente sottoservite. Mentre gli architetti ampliano il loro interesse nel fornire soluzioni per l'efficienza energetica, risorse idriche e rifiuti solidi. Dobbiamo anche sostenere un'economia inclusiva e decarbonizzata e dare priorità alle azioni per coloro che sono più vulnerabili al degrado ambientale e hanno bisogno di opportunità di lavoro.

Il Langston Hughes Performing Arts Center nel Central District di Seattle era una volta la Congregazione Bikur Cholem, una sinagoga ebraica. Costruito nel 1901, è stato riadattato come centro per le arti dello spettacolo afroamericane dal Dipartimento dei parchi di Seattle nel 1983. Crediti fotografici: Ed Sozinho / Pro Image Photography

È così facile essere verdi: frutta a bassa pendenza e applicazioni pragmatiche a zero emissioni di carbonio

Gli eleganti esempi mostrati nella copertura della stampa del design verde enfatizzano eccessivamente le applicazioni nuove, sexy, high-tech e costose. Le pubblicazioni di design professionale presentano abitualmente progetti di carbonio netto in cui il ritorno sull'investimento è secondario, le dichiarazioni di progettazione sono primarie e il costo iniziale delle funzionalità ad alta tecnologia non è finanziariamente realizzabile per le persone a basso reddito.

Qui nel mondo reale dei progetti sotto-finanziati, gli architetti basati sulla comunità applicano pragmaticamente le caratteristiche della bioedilizia tutto il tempo. Piccoli passaggi economici includono la climatizzazione domestica, il riciclaggio domestico, gli apparecchi a risparmio energetico, gli impianti idraulici a risparmio idrico e gli scaldacqua a risparmio energetico. Misure di conservazione delle risorse sono state adottate e utilizzate per decenni, come dimostra l'attuale proliferazione di illuminazione diurna e ventilazione naturale, zone di piselli della comunità, mercati degli agricoltori di quartiere, pendolarismo in bicicletta, vendita di veicoli ibridi e uso esteso dei trasporti pubblici. La gamma di applicazioni verdi è pressoché illimitata quando la coscienza pubblica è in grado di identificare queste opportunità e il loro collegamento a un maggiore benessere pubblico e redditività economica.

Le comunità impoverite, con budget limitati per le spese operative, hanno più bisogno di edifici ad alte prestazioni. I programmi sovvenzionati pubblicamente che ora offrono incentivi per l'efficienza energetica dovrebbero espandersi per includere pannelli fotovoltaici, conservazione dell'acqua potabile e riutilizzo delle acque reflue. I risparmi derivanti dalla mancata costruzione di ulteriori impianti di produzione elettrica, nuovi sistemi di distribuzione dell'acqua e impianti di trattamento delle acque reflue dovrebbero compensare in modo dimostrabile i sussidi pubblici e ridurre i costi delle utenze delle persone finanziariamente sfidate. Inoltre, gli architetti devono sostenere un migliore utilizzo del suolo e una politica di finanziamento pubblico che contribuirà a guidare questi cambiamenti tanto necessari.

Gli edifici a basso consumo di carbonio in questo paese erano più comuni fino alla metà del XX secolo. Dobbiamo solo guardare indietro di 60 o 70 anni per trovare progetti di edifici che soddisfacessero la maggior parte delle nostre esigenze con un uso di combustibili fossili e un impatto ambientale molto inferiori. La ricerca attuale e la modellazione al computer possono rilanciare l'uso di queste caratteristiche di buon senso e sottolinearne i vantaggi. L'utilizzo della moderna modellazione computerizzata per l'illuminazione diurna e la ventilazione naturale, ad esempio, può aiutare a recuperare quelle caratteristiche edilizie utili dal nostro passato per rendere i nuovi edifici più efficienti sotto il profilo delle risorse, sani e duraturi. A causa delle limitate nuove opportunità di costruzione, le comunità nere hanno più familiarità con l'occupazione di questi edifici più vecchi e meno carbonizzati e potrebbero accettare di più queste caratteristiche che si sono dimostrate efficaci o affidabili in passato.

colman building

Il riutilizzo adattivo della Colman School come Northwest African American Museum e 36 unità abitative a prezzi accessibili, sebbene non certificate LEED, è un esempio di conservazione di un'icona di quartiere fornendo al contempo un riutilizzo efficiente dal punto di vista energetico e prolungando la vita di un edificio di 100 anni per altri 100 anni. Credito fotografico: Fawn Art Photography.

Rigenerazione delle risorse: tutto tranne "oink"

La popolarità del riciclaggio dei rifiuti domestici e del compostaggio sul marciapiede è un primo passo nella rigenerazione di massa delle risorse. La maggior parte delle comunità di colore storicamente mancava di un'abbondanza di risorse materiali e sono state costrette a essere più creative nella gestione delle risorse. Mia madre diceva che i neri nel vecchio sud usavano ogni parte del maiale tranne il "oink". Il nostro stile di vita contemporaneo è in contrasto con la saggezza di molte culture non bianche, che abitualmente hanno fatto il massimo uso di tutte le risorse.

Per necessità finanziarie, le comunità nere hanno rinnovato piuttosto che costruito di nuovo. Il riutilizzo adattivo precede le discariche ed è un processo familiare in queste comunità. L'uso di edifici urbani, abbandonati durante la fuga dei precedenti residenti, si presenta come sinagoghe convertite in centri di arti dello spettacolo, vetrine di negozi al dettaglio trasformate in chiese battiste e scuole pubbliche in eccedenza riproposte come alloggi a prezzi accessibili.

Il Langston Hughes Performing Arts Center nel Central District di Seattle era una volta la Congregazione Bikur Cholem, una sinagoga ebraica. Costruito nel 1901, è stato riproposto come centro per le arti dello spettacolo afroamericane dal Dipartimento dei parchi di Seattle nel 1983. Fortunatamente, i nostri professionisti del design ambientale, sviluppatori di proprietà e funzionari pubblici stanno iniziando a rispettare e celebrare apertamente queste preservazioni della grande architettura come alternative creative alla nuova costruzione.

Come progettisti, architetti e costruttori, l'azione più decarbonizzata che possiamo intraprendere è riutilizzare gli edifici esistenti. Sostituire strategicamente il riutilizzo con nuove costruzioni limita la necessità di raccolta del legname, estrazione, produzione e consumo di nuovi materiali. Riduce la necessità di trasporto tra ciascuno di questi processi con le conseguenti emissioni di carbonio. Nel riutilizzo di un edificio esistente viene trattenuto fino a 90% di carbonio incorporato.

Il riutilizzo è un modo significativo per evitare inutili emissioni di anidride carbonica e il salvataggio di icone significative di quartiere aiuta anche a stabilizzare le comunità preservando il loro senso di connessione storica, identità e immagine positiva di sé. Nelle economie in calo, quando le nuove costruzioni possono essere proibitive in termini di costi, il retrofit, il rinnovamento e il riutilizzo possono essere un'alternativa di sviluppo ad alta intensità di lavoro ma meno costosa. Sia le risorse materiali che quelle umane possono essere reimpiegate per i posti di lavoro e il rinnovamento economico che il riutilizzo può generare.

Il riutilizzo adattivo della Colman School di Seattle come Northwest African American Museum e 36 unità abitative a prezzi accessibili, è un esempio di come preservare un'icona del quartiere fornendo un riutilizzo decarbonizzato e prolungando la vita di un edificio di 100 anni per altri 100 anni.
Quando un edificio non può essere salvato, il recupero e il riutilizzo dei materiali decostruiti riduce anche l'impronta di carbonio del trasporto dei rifiuti e delle discariche ampliate. I mestieri di decostruzione odierni offrono opportunità per una forza lavoro qualificata più ampia. I processi di salvataggio strutturati formalmente vengono ora utilizzati per rendere la decostruzione più sicura, meglio organizzata e più efficiente.

Si spera che il modello prevalente di risorse sprecate dopo la seconda guerra mondiale e l'obsolescenza pianificata abbia raggiunto la sua fine. L'influenza della relativa contentezza di una società dispendiosa ha purtroppo incluso la svalutazione della vita umana, il nostro bene più prezioso. I senzatetto e la crescente popolazione carceraria negli Stati Uniti dimostrano che, come società, accettiamo che anche alcune vite siano usa e getta. I nostri tentativi di decarbonizzazione non avranno senso se non includiamo un impegno per il pieno dispiegamento delle nostre risorse umane.

Donald King

Donald King

Le soluzioni a molti dei nostri mali sociali più impegnativi possono essere trovate imparando dal passato per creare una nuova visione futura rispettosa dell'ambiente ed economicamente sostenibile. Le iniziative che fanno uso delle diverse idee e saggezza di ogni cittadino possono espandere e rinvigorire il movimento decarbonizzato mentre cresce oltre una minoranza di persone e pratiche esclusive in uno standard ampio, inclusivo e tradizionale. Affrontare la sfida della decarbonizzazione richiederà la trasformazione dei materiali da costruzione e dei mercati. Possiamo sfruttare questa trasformazione per aprire opportunità positive per la comunità nera con nuovi lavori, nuova istruzione, nuove imprese e nuovi modelli di business?

Donald I. King FAIA, come fondatore ed ex presidente dello studio di architettura DKA a Seattle, ha guidato il suo studio per oltre 30 anni. Attualmente è Principal Architect di Mimar Studio, una società di consulenza per la pianificazione e il design pre-sviluppo, ed è Professore affiliato di Architettura presso il College of Built Environments presso l'Università di Washington. Questo articolo è una versione aggiornata di un articolo pubblicato per la prima volta dal Professor King come parte di un forum dell'AIA Seattle sulla gestione ambientale nel 2010. 

Funzionalità più recenti

Presentazione di Brad Benke

Ricercatore, Carbon Leadership Forum, Università di Washington Brad Benke, AIA, è un ricercatore presso il Carbon Leadership Forum incentrato su...

MKA: progettare una soluzione ambientale

Magnusson Klemencic Associates (MKA): un focus su come fare la differenza climatica Trovare soluzioni di ingegneria strutturale creative e innovative ha...

Cambiare il mondo una città alla volta

Gli hub regionali CLF fioriscono a Philadelphia, Phoenix, Minnesota, Seattle, Boston, Austin, Atlanta, Ottawa, Chicago, Los Angeles, Portland, San Francisco,...

Sei mesi nell'impegno SEI SE 2050

Gli ingegneri strutturali si combinano per condividere apprendimento, risorse e obiettivi ambiziosi di decarbonizzazione di Chris Jeseritz Chris Jeseritz è un project manager ...

Presentazione di Meghan Lewis

Senior Researcher, Carbon Leadership Forum, University of Washington Meghan Lewis è Senior Researcher presso il Carbon Leadership Forum, dove ...

Presentazione di Stephanie Carlisle

Ricercatore senior, Carbon Leadership Forum, Università di Washington Stephanie Carlisle è un architetto e ricercatore ambientale il cui lavoro ...

Presentazione di Monica Huang

Ingegnere di ricerca, Carbon Leadership Forum, Università di Washington Monica Huang è un ingegnere di ricerca con esperienza nel ciclo di vita ambientale ... (-)

Presentazione di Andrew Himes

Direttore di Impatto collettivo, Carbon Leadership Forum, Università di Washington Andrew Himes è direttore delle iniziative di impatto collettivo per ridurre...

Renee Cheng: Change Agency, Value Change

Tra la pandemia, il crollo economico e le proteste per la giustizia sociale attende una collisione che rivelerà nuove domande per la professione di design, scrive ...

Presentazione di Anthony Hickling

Amministratore delegato, Carbon Leadership Forum, Università di Washington Anthony Hickling ha esperienza nella sostenibilità ambientale e sociale come ...

La nostra missione è la trasformazione

di Kate Simonen Direttore fondatore del Carbon Leadership Forum Stiamo vivendo un momento straordinario della storia umana, come se il 1918 ...

L'iniziativa Nehemiah

Costruire una comunità amata mentre si lavora alla decarbonizzazione degli edifici di Mark Jones con Andrew Himes Il distretto centrale è un quartiere storicamente nero ...

La recensione di Delacorte: The Baller

L'atteggiamento può aiutare a salvare il pianeta? Un giornalista del clima spaventato incontra un ex giocatore di basket con un piano di gioco serio. Dai compagni di squadra di Audrey Gray ...

it_ITItalian