Iniziativa:

CARE – Evitate le emissioni di carbonio: stimatore di retrofit

Uno strumento per calcolare e confrontare gli impatti del carbonio incorporati, operativi ed evitati e i vantaggi del riutilizzo, dell'ammodernamento degli edifici esistenti rispetto alla costruzione di nuovi edifici.

Il team di sviluppo principale per lo strumento include Larry Strain of Siegel Strain Architects, Erin McDade di Architettura 2030 e Lori Ferriss di Goody Clancy

L'obiettivo del progetto è sviluppare uno strumento basato sul web semplice, gratuito e facile da usare, disponibile per consentire ad architetti, ingegneri, responsabili politici e sviluppatori di prendere decisioni informate sul carbonio su quando demolire e costruire nuovi e quando rimodellare e riadattare.

La ristrutturazione di una struttura esistente in genere ha un'impronta di carbonio molto inferiore rispetto alla costruzione di una nuova perché riutilizza la maggior parte delle parti ad alta intensità di carbonio dell'edificio: le fondamenta, la struttura e l'involucro dell'edificio. Nonostante questa conoscenza intuitiva, non abbiamo avuto un modo semplice per confrontare tutte le variabili del carbonio incorporato e operativo su diversi tempi per il riutilizzo e nuovi scenari di costruzione. L'ammodernamento di un edificio esistente per azzerare le emissioni di esercizio sarà sempre l'opzione a più bassa emissione di carbonio. Ma cosa succede se si può solo migliorare la sua efficienza di 50% o sostituirlo con un nuovo edificio operativo a zero? Ha ancora senso ristrutturarlo o si dovrebbe costruire un nuovo edificio a zero emissioni? E in che modo il clima e l'efficienza della rete influiscono su questi calcoli? Abbiamo deciso di creare uno strumento semplice e facile da usare per confrontare gli impatti del carbonio incorporati, operativi ed evitati dal riutilizzo e dall'ammodernamento di un edificio esistente rispetto a un tipico edificio sostitutivo.

Cosa fa: Stima le emissioni di carbonio operative e incorporate associate al riutilizzo e alla riqualificazione di un edificio esistente o alla sua sostituzione con una nuova costruzione standard.

Per chi è: decisori politici, pianificatori, proprietari di edifici, sviluppatori, responsabili della costruzione del patrimonio e altri che sono interessati a una valutazione di alto livello, pre- o iniziale, del carbonio totale del riutilizzo degli edifici rispetto alla sostituzione.

Come funziona: Gli utenti forniscono informazioni in quattro categorie: 1) informazioni generali sull'edificio come l'ubicazione e l'uso dell'occupazione; 2) informazioni sulla ristrutturazione utilizzando menu a discesa per descrivere l'ambito, come la percentuale della struttura che è stata ristrutturata e l'uso mirato dell'energia; 3) new building information, che seleziona tra una delle quattro tipologie costruttive tipiche e target di consumo energetico; e 4) condizioni speciali come terreni poveri. Il calcolatore calcola quindi le emissioni di carbonio utilizzando ipotesi di carbonio incorporate e dati provenienti dal CBECS (Commercial Buildings Energy Consumption Survey) e dal Portfolio Manager. I risultati mostrano le emissioni totali incorporate e operative nel periodo di tempo specificato per tre scenari: l'edificio esistente, l'edificio ristrutturato e la nuova costruzione.

Lo stimatore è attualmente in fase di beta testing limitato. Guarda questa pagina e unisciti al Comunità CLF per vedere gli annunci di quando lo strumento sarà disponibile al pubblico.

 

it_ITItalian