Back to News and Features

27 maggio 2020

Intervista di Living Building Chronicle con Kate Simonen: "COVID-19 non rallenterà i progressi su Embodied Carbon"

di Ken Edelstein - 26 maggio 2020

Kate Simonen

Kate Simonen, fondatrice del Carbon Leadership Forum presso l'Università di Washington

Kate Simonen è stata una voce di spicco per la riduzione del carbonio incorporato negli edifici per oltre un decennio. Ha affrontato la questione nel 2014 in Valutazione del ciclo di vita, un manuale fondamentale per gli architetti. Dal suo trespolo come professore di architettura all'Università di Washington, Simonen, che è anche un ingegnere strutturale, ha fondato il Forum sulla leadership del carbonio, che è diventata la piattaforma di ricerca e condivisione per i professionisti che cercano di "decarbonizzare" il settore edile. E ha guidato l'incubazione di CLF del Calcolatore di carbonio incorporato nella costruzione, uno strumento gratuito e di libero accesso per progettisti e costruttori.

As part of our ongoing Q&A series on COVID-19 and green buildings, I asked Simonen how the pandemic is impacting the movement to cut embodied carbon. The interview has been edited for length and clarity, and I’ve thrown in a few links for you to explore further. To read other posts in the series, clicca qui.

In generale, come si prevede che la pandemia di coronavirus influirà sulla spinta a ridurre il carbonio incorporato negli edifici?

Potrei parlarne in tanti modi diversi. Uno è che c'è già stata una crescente consapevolezza sui materiali da costruzione. Quella traiettoria di consapevolezza non è cambiata tra le persone che avevano capito prima della pandemia che la decarbonizzazione è un'attività critica. Ma forse c'è anche più di un'iperconsapevolezza dell'impatto che una crisi globale può avere nell'incoraggiare il cambiamento.

Per quanto riguarda il lavoro stesso, gli individui sono tutti influenzati in modo così diverso. Alcune persone hanno più tempo e sono molto cariche, quindi stanno facendo di più per supportare il Carbon Leadership Forum e lo strumento EC3. Altri sono più impegnati ad affrontare la pandemia e hanno dovuto metterlo da parte. Quando lo pensiamo come un movimento, l'interruzione [della pandemia] cambia chi ha il tempo e l'urgenza di agire.

Dall'altro lato, si tratta fondamentalmente di produzione ed economia. Si tratta di come costruiremo. Ci sono un sacco di domande interessanti che sorgono al riguardo.

Uno è: "Come dovremmo investire in una ripresa?" Penso che ci sia una grande opportunità [di utilizzare i soldi degli stimoli] per riorganizzare a basse emissioni di carbonio. Possiamo aiutare l'agricoltura utilizzando più rifiuti agricoli nei prodotti da costruzione? In un mondo ideale, vedremo anche investimenti in processi di produzione più efficienti.

Il recupero può essere un momento in cui vengono avanti nuove idee. Quando facciamo investimenti, spesso ci spingono verso nuovi modi di fare le cose. Ma penso che ci sarà anche una sfida lì perché l'innovazione iniziale spesso costa di più, quindi ci sono molte scelte. ...

Il quadro più ampio è che [la pandemia] attira decisamente l'attenzione su come stiamo facendo le cose e dove le otteniamo. C'è molta più discussione pubblica sulla catena di fornitura, ad esempio, perché le persone sono più consapevoli di tutti i lavoratori coinvolti lungo il percorso, e questa è una buona cosa.

Alcune persone sono ottimiste sul fatto che la crisi del COVID-19 creerà un ripristino, che riorienterà la nostra società a pensare a noi stessi come in grado di risolvere le crisi. Mi piace mantenere le cose positive e non voglio diminuire tutto il dolore e la morte che la pandemia ha causato.

Quando penso al danno irreversibile al pianeta, però, penso che sia chiaro che la portata della catastrofe di cui parliamo dal cambiamento climatico sminuisce ciò che sta accadendo da COVID-19. ... Basti pensare al fatto che ci si aspetta che il cambiamento climatico ci metta a rischio di più malattie. Quindi, oltre a rendere più difficile affrontare le pandemie globali, potremmo ritrovarci con più pandemie.

La mia speranza è che questo aiuti le persone a capire che gli impatti globali sono qualcosa a cui tutti dobbiamo preoccuparci. E si spera che le persone possano iniziare a vedere sia ciò che vogliamo evitare sia ciò che possiamo creare. Possiamo vedere che se potessimo passare a un trasporto pulito, potremmo avere meno asma. Che se potessimo passare a un telelavoro migliore, possiamo trascorrere più tempo con le nostre famiglie. Ma penso che anche noi possiamo vedere che quando lavoriamo tutti insieme possiamo risolvere i problemi.

Latest News Stories

Whole-life Carbon, the Key to a Zero Emission Building

by Yang Shen Research engineer for the Life Cycle Lab at the University of Washington and a Research Affiliate for CLF...

Carbon Leadership Forum Launches as Independent Nonprofit Organization

Press Release: Important CLF Transition Announced  Decarbonizing buildings and infrastructure is one of our...

CLF Unveils Groundbreaking Research on Building Material Life Cycles

The Carbon Leadership Forum (CLF) has published a pivotal research document titled "End of Life Modeling and Data in...

Introducing Karisha Shahnaz Hariadi

Research Assistant, UW​Karisha is a research assistant at the University of Washington (UW). She is currently pursuing...