Caratteristica:

Impatto sui soci, giugno 2020

Cosa state facendo tu e la tua azienda per ridurre le emissioni di carbonio incarnate?

Megan Stringer

Associate Principal / Sustainability Lead, Holmes Structures

megan stringerSono sempre stato affascinato dall'ambiente costruito e da come semplici strategie passive possano ridurre notevolmente l'impatto ambientale di una struttura. In qualità di ingegneri strutturali, giochiamo un ruolo importante nella riduzione del carbonio incorporato nelle strutture che progettiamo. In Holmes Structures (Holmes), ho ridotto le emissioni di carbonio sui progetti spingendo per materiali meno impattanti e implementando il calcestruzzo a basse emissioni di carbonio e le valutazioni del ciclo di vita nella pratica quotidiana.

Negli ultimi anni, Holmes è emerso come leader nella progettazione di legname di massa lungo la costa occidentale, sfruttando un materiale da costruzione rinnovabile in vista degli sviluppi del codice prescrittivo negli Stati Uniti. Recentemente ho guidato lo sforzo di progettazione per uno dei più grandi progetti in legno di massa del Nord America, che ha accumulato ~ 350.000 SF di legno lamellare a strati incrociati e che dovrebbe aprire nella Silicon Valley quest'anno. La nostra azienda sta diffondendo le nostre pratiche sostenibili tra i team interni e si sta sforzando di estendere la nostra portata ai clienti e al più ampio settore AEC. Come parte del nostro impegno a fare di più, Holmes è anche un firmatario della SE 2050 Challenge

Al di fuori del posto di lavoro, sono attivo nella comunità del design sostenibile e attualmente presiedo i comitati ASCE SEI e SEAOC Sustainable Design. Attraverso entrambe le organizzazioni, istruisco il settore edile sul ruolo che gli ingegneri strutturali hanno nel quantificare e ridurre gli impatti ambientali dei sistemi strutturali e l'importanza della resilienza ai disastri. Tramite SEI, sto sviluppando insieme il programma di impegno SE 2050 in risposta alla sfida SE 2050 del CLF. Raggiungere Net Zero non è il lavoro di una persona, ma piuttosto il lavoro collettivo di molti. La SE 2050 Challenge riunisce la comunità dell'ingegneria strutturale per condividere risorse e informazioni cruciali per ridurre il carbonio incorporato nel nostro ambiente costruito.

Dirk Kestner

Principal e Director of Sustainable Design, Walter P Moore

Nel 2005, sono stato uno dei cinque ingegneri strutturali a formare il Comitato per la sostenibilità dello Structural Engineering Institute (SEI), il primo comitato nazionale di ingegneria strutturale incentrato sulla progettazione sostenibile. Durante i primi anni del comitato, ci siamo concentrati sull'educazione della nostra professione e sull'editoria Linee guida di sostenibilità per l'ingegnere strutturale, che conteneva un capitolo sulla valutazione del ciclo di vita. Nel 2014 sono stato coinvolto nel Carbon Leadership Forum (CLF) e poco dopo Walter P Moore è diventato uno sponsor. A quel tempo CLF era l'unica organizzazione che convocava i professionisti per condividere strategie per affrontare il carbonio incarnato.

Cinque anni fa, il mio ruolo è passato da project manager strutturale a direttore del design sostenibile di Walter P. Moore. Questo ruolo mi ha permesso di lavorare con progetti all'interno della nostra azienda per affrontare il carbonio incarnato e incorporare le lezioni apprese dai nostri progetti più sostenibili nelle nostre specifiche di base e nei processi di progettazione. Sebbene l'esecuzione di Whole Building LCAs sia parte di questo ruolo, stiamo anche sviluppando obiettivi di benchmarking interni e strumenti di interoperabilità che consentono ai nostri modelli BIM di essere utilizzati meglio per monitorare, confrontare e ridurre il carbonio incorporato durante la progettazione. Stiamo espandendo il nostro approccio oltre i progetti strutturali per valutare il carbonio incarnato nello sviluppo del sito e nei progetti infrastrutturali orizzontali. La professione di ingegnere strutturale deve continuare a formare se stessa, i suoi colleghi, i nostri clienti e altri nel settore. Siamo orgogliosi di esserci uniti ad altri leader del settore come sponsor pilota dello strumento EC3 e siamo incoraggiati a vedere come sta portando trasparenza alle emissioni della catena di fornitura.

È incoraggiante vedere la crescente consapevolezza dell'importanza del carbonio incorporato e la crescita del CLF attraverso hub locali. Il CLF, sebbene ora più ampio e diversificato, rimane la comunità per una discussione rigorosa e l'incubazione di idee per affrontare la questione cruciale del carbonio incorporato.

Kelsey Rose

Responsabile del team di sostenibilità e ingegnere progettista senior, Magnusson Klemencic Associates

Kelsey RoseSebbene io sia relativamente nuovo nel settore della sostenibilità del settore edile, è diventato il mio principale obiettivo personale come ingegnere strutturale presso Magnusson Klemencic Associates (MKA). Dopo aver contribuito a ristabilire il Sustainability Technical Specialist Team (TST) di MKA, sono diventato il suo leader nel 2018 e ora dirigo la ricerca di MKA sulle ultime tecnologie, standard e questioni relative alla sostenibilità. Uno dei progetti più interessanti di questi ultimi tempi è stato il nostro coinvolgimento nella creazione e nel lancio dello strumento Embodied Carbon in Construction Calculator (EC3). In qualità di sponsor pilota, MKA si è impegnata sin dall'inizio per testare e utilizzare lo strumento, dandoci l'opportunità unica di contribuire a plasmare il suo sviluppo. MKA ora promuove l'uso di EC3 su tutti i progetti statunitensi, sperando che il suo uso diffuso sarà un catalizzatore per il cambiamento del mercato e una maggiore trasparenza del prodotto.

Credo che in qualità di amministratori dell'ambiente, sia nostra responsabilità educare il settore edile il più possibile, in modo che l'intera comunità OAEC avanzi collettivamente. Questa fondamentale formazione esterna di clienti, architetti e altri ingegneri è diventata un obiettivo per il 2020. Come parte di questo impegno, sono coinvolto nel gruppo di lavoro SE 2050 del Comitato per la sostenibilità dello Structural Engineering Institute (SEI). L'impegno SE 2050 è la risposta di SEI alla sfida SE 2050 emessa formalmente dal Carbon Leadership Forum nel 2019. La nostra missione è unire gli ingegneri strutturali in tutto il paese per supportare in modo collaborativo la più ampia comunità professionale nell'obiettivo di sistemi strutturali di carbonio incorporati net-zero entro il 2050.

 

Mark D. Webster

Ingegnere consulente senior, Simpson, Gumpertz & Heger

Mark WebsterIn qualità di ingegnere strutturale, la maggior parte della mia attività intorno al carbonio incarnato si concentra sul Comitato per la sostenibilità dello Structural Engineering Institute, che presiedo con Megan Stringer. Avendo trascorso circa 25 anni a studiare e pubblicizzare gli impatti incarnati dei materiali strutturali senza molti progressi nel settore, sono grato e sollevato che gli sforzi collettivi di un piccolo gruppo di aderenti impegnati abbiano finalmente portato al momento dell '"alleluia" in cui ora ci troviamo in, e per l'ascesa del CLF per diffondere la buona parola alle masse.

Il Comitato per la sostenibilità SEI sta affrontando il cambiamento climatico su diversi fronti. Più recentemente il nostro gruppo di lavoro SE 2050 sotto la guida dedicata di Michael Gryniuk è passato a un sottocomitato a tutti gli effetti. Il gruppo SE 2050 sta lavorando per portare la sfida incubata dal CLF per ridurre le emissioni nette di carbonio dei sistemi strutturali a zero entro il 2050 per gli ingegneri strutturali in tutta la nazione. Sono a capo del Carbon Working Group del Comitato per la sostenibilità che ha pubblicato un rapporto tecnico, Materiali strutturali e clima globale, nel 2017 e da allora sostiene lo sforzo SE 2050 pubblicando un white paper ben accolto, Raggiungimento di zero emissioni nette di carbonio nei materiali strutturali entro il 2050e sta attualmente sviluppando altre risorse per aiutare gli ingegneri strutturali e altri a comprendere e ridurre il carbonio incarnato dei loro progetti.

Sto anche lavorando con il nostro staff tecnico presso Simpson Gumpertz & Heger per sviluppare e semplificare le procedure per estrarre rapidamente ed efficientemente quantità di materiale strutturale per i nostri progetti di design e calcolare il carbonio incorporato associato in modo da poterlo monitorare regolarmente. Sto implementando strategie di riduzione del carbonio incorporate su progetti e consulto con team di progetto esterni su come effettuare tali riduzioni.

È un ottimo momento per essere un ingegnere strutturale perché abbiamo le conoscenze e le capacità per apportare cambiamenti nel modo in cui gli edifici vengono costruiti e ristrutturati che miglioreranno la vita dei miliardi di occupanti del nostro pianeta mitigando i peggiori impatti del cambiamento climatico. È enormemente soddisfacente e gratificante poter contribuire a questi cambiamenti.

it_ITItalian