Caratteristica:

Impatto sui soci, novembre 2020

Cosa state facendo tu e la tua azienda per ridurre le emissioni di carbonio incarnate?

Julie Kriegh

Fondatore, architetto e direttore della sostenibilità presso Kriegh Architectural Studio | Design + Ricerca
Ricercatore presso l'Università di Washington Carbon Leadership Forum
Membro della Cloud Infrastructure Research Challenge a UW + UA Research Consortium

Julie KrieghLa mia consapevolezza del cambiamento climatico è iniziata con i miei studi universitari alla Duke University. Il dottor Orrin Pilkey, rinomato geologo in ecologia costiera e nostro istruttore presso il laboratorio marino di Duke, ha previsto gli impatti dei cambiamenti climatici, le pratiche di costruzione costiera e le tempeste eccellenti come l'uragano Sandy. Il suo lavoro ha dimostrato che come e dove costruiamo è importante sia per le persone che per il pianeta. Oggi sono un architetto e preside della sostenibilità presso Kriegh Architectural Studio | Design + Research, fondata nel 2000. Nel 2005 ho deciso di spostare il mio studio da uno studio di progettazione architettonica generalista - commerciale, plurifamiliare e residenziale unifamiliare - verso un focus sulle pratiche di edilizia sostenibile.

Ho iniziato con il progetto plurifamiliare di 45 unità che stavamo progettando in quel momento. È stato il primo progetto nell'ambito della nostra nuova ordinanza locale, Il progetto abitativo e dimostrativo (HDDP), di cui sono coautore mentre prestava servizio nella Commissione di pianificazione per la mia comunità. Per ispirare la trasformazione nelle industrie di progettazione e costruzione, l'HDDP ha incentivato pratiche sostenibili per la progettazione di siti e edifici con bonus di densità. Il nostro progetto, Vineyard Lane, è stato il primo progetto Built-Green plurifamiliare nella nostra contea e ha vinto il premio AARP per l'eccellenza nel design nel 2008. È interessante notare che il progetto è stato completato proprio mentre si è verificata la recessione economica, ma questo progetto è stato completamente venduto o affittato entro un periodo di cinque anni al culmine della recessione.

Sulla base del successo di Vineyard Lane, mi sono impegnato in una maggiore formazione e sono diventato un consulente di casa passiva con l'obiettivo di ridurre la quantità di energia utilizzata da un edificio nelle operazioni. Con ogni progetto abbiamo introdotto sistemi come rivestimenti in sughero per facciate, finestre a triplo vetro, costruzione a tenuta d'aria, ventilatori a recupero di calore e design senza ponti termici. Tuttavia, sembrava esserci una discrepanza tra le aspirazioni iniziali del nostro cliente e le motivazioni delle squadre di costruzione a costruire secondo nuovi standard di prestazione energetica. In breve tempo, gli ostacoli tecnici e di costo hanno dominato il processo decisionale che ha portato a quella che io chiamo Passive House "leggera". Dopo alcuni anni, ho deciso che avevo bisogno di capire perché e come le persone potevano essere motivate ad agire in modo favorevole all'ambiente e scegliere opzioni che sarebbero state migliori per la salute delle persone e del pianeta rispetto ai costi di costruzione e alla complessità.

Sono stato ammesso al dottorato di ricerca in programma Built Environments presso l'Università di Washington per proseguire questa ricerca. La mia tesi, Scambio di costruzione di vita: studio dell'intersezione tra comportamento pro-ambientale, significato del luogo e progettazione ad alte prestazioni è stato completato nel 2018. Il lavoro ha dimostrato che i valori ambientali (altruistici, biosferici, egoistici ed edonici) motivano le nostre azioni e informano le nostre decisioni sull'uso dell'energia. Inoltre, i segnali nell'ambiente costruito (caratteristiche di progettazione sostenibile) e il significato del luogo (identità ambientale e attaccamento al luogo) ci ispirano a prenderci cura dei luoghi in cui viviamo promuovendo scelte sostenibili e comportamenti pro-ambientali (PEB) ora e in futuro . Questo lavoro è stato insignito del premio di eccellenza della Environmental Design and Research Association (EDRA) nel 2019.

Nel 2020, ho appreso dell'UW Carbon Leadership Forum e sono stato assunto come ricercatore per studiare il carbonio incorporato nell'ambiente costruito. Insieme ai miei co-ricercatori, Chris Magwood e Wil Srubar, abbiamo studiato una serie di materiali per ridurre il carbonio incorporato con sostituzioni immediate ea breve termine per edifici industriali leggeri. È importante sottolineare che il nostro team ha identificato i materiali nelle prime fasi di ricerca e sviluppo che potrebbero promuovere carbonio biogenico immagazzinare i materiali nel prossimo futuro. Abbiamo utilizzato un approccio di sistema per affrontare molteplici variabili che influiscono sull'uso di materiali per la conservazione del carbonio negli edifici, tra cui: la relazione tra la produzione e le catene di approvvigionamento rurali e urbane, le opportunità di istruzione e formazione e l'uso di indicatori EPD e strumenti EC3 . Attualmente, insegno alla prossima generazione di professionisti del design in una classe interdisciplinare di progettazione di data center presso l'UW con i co-istruttori, il dott. Chris Lee (gestione della costruzione) e il dott. Jan Whittington (progettazione e pianificazione urbana). Abbiamo ricevuto un regalo da GOOGLE per supportare la ricerca e la documentazione dei risultati del corso in collaborazione con le Università della Pennsylvania e dell'Arizona.

Restate sintonizzati: il mio prossimo impegno è collegare la ricerca PEB alla costruzione plurifamiliare CLT e Mass Timber!

Scott Henson

Co-fondatore, Drawdown Seattle; dirigente tecnico; attivista per il clima

La maggior parte della mia carriera professionale si basa nel mondo della creazione di hardware, software e servizi high-tech per intrattenere e deliziare le persone attraverso giochi, film e TV. Dopo qualche riflessione, ho deciso di allontanarmi e dedicare il mio tempo e le mie energie ad affrontare la crisi climatica. Poco dopo sono stato presentato al Carbon Leadership Forum e sono rimasto colpito dalla missione, dalla leadership e dalla comunità. Sono stato onorato di lavorare con il CLF e molti dei suoi membri al lancio della beta pubblica dello strumento EC3 un anno fa a novembre. Durante quel periodo, il potenziale di Embodied Carbon come parte fondamentale del movimento più ampio per invertire la crisi climatica ottenendo il "Drawdown" è diventato chiaro. Come definito dal team di Project Drawdown: "Il Drawdown è il momento in cui la concentrazione di gas serra nell'atmosfera smette di salire e inizia a diminuire costantemente". Questo è il punto in cui iniziamo a fermare un ulteriore cambiamento climatico, evitando un riscaldamento potenzialmente catastrofico.

Ho anche co-fondato e guidato l'organizzazione con sede a Seattle, Drawdown Seattle, che riunisce le persone attraverso workshop interattivi, presentando le persone alle soluzioni che il Drawdown del progetto il team ha misurato, modellato e mappato. Oltre a invertire il riscaldamento globale, queste soluzioni hanno anche molti benefici collaterali, come un mondo più pulito, più sano e più equo con un'economia vivace. I partecipanti sono anche guidati attraverso un processo sistematico per sviluppare un "portafoglio di azioni" che scala dall'azione individuale al livello di comunità fino all'impatto a livello di sistemi e strutture. Il lavoro del Carbon Leadership Forum in concerto con l'industria edile per affrontare il contributo che gli edifici danno durante la loro creazione, funzionamento e ammodernamento sono tutti di vitale importanza per raggiungere il Drawdown il più rapidamente ed equamente possibile.

Con mia moglie Catherine, siamo orgogliosi genitori di due adorabili giovani donne: Siena (20) e Autumn (17). Come famiglia ci impegniamo per un pianeta più vivibile per tutti e concentriamo il nostro tempo e le nostre energie sul lavoro di giustizia ambientale, sociale e razziale.

Vicki Rybl

Consulente LCA, Sphera

Vicki RybiPer affrontare la questione del carbonio incorporato, dobbiamo iniziare con i dati. Sia che stiamo pensando all'impronta di carbonio personale o ai percorsi per la decarbonizzazione nell'ambiente costruito, dovremmo sforzarci di prendere decisioni basate sull'evidenza. Sono entrato nel campo della valutazione del ciclo di vita e ho incarnato il carbonio attraverso una carriera nella sostenibilità MEP (modellazione energetica e gestione delle certificazioni LEED), quando ho capito che mi mancava gran parte del quadro quando si trattava di impronta ambientale degli edifici e gli spazi che stavamo progettando. In qualità di consulente di Sphera, adotto un approccio olistico alla valutazione del ciclo di vita per identificare le aree di massimo impatto nella riduzione delle emissioni di carbonio.

Il mio team di Sphera esegue il lavoro di LCA per i nostri clienti, analizzando le loro operazioni di produzione per creare profili ambientali per i loro prodotti. Aiutiamo le aziende a identificare le fonti di emissioni dominanti nei loro processi e svolgiamo un ruolo importante nello sviluppo di EPD per il settore edile. Sphera è anche lo sviluppatore del software GaBi e mantiene i dati di background per strumenti come Tally.

Avendo lavorato con il CLF durante il mio Master presso UW, ora rimango impegnato per saperne di più su come la comunità AEC utilizza i dati ambientali e su come supportare al meglio le riduzioni di carbonio incarnate come professionista LCA.

Tien Peng

Vicepresidente della sostenibilità, codici e standard
National Ready Mixed Concrete Association

Nel 2004 sono stato il capo progettista del più grande costruttore di case di Puget Sound. Un giorno ero seduto nel mio ufficio e pensavo che forse i lavavetri erano fuori. In effetti, è stato un gruppo ambientalista che ha intrapreso "un'azione diretta" assicurandosi illegalmente dal nostro tetto e aprendo uno striscione che richiamava l'attenzione sui diritti umani e sulla questione ambientale di un elemento $100 nel nostro progetto, proveniente da una foresta a 2.000 miglia di distanza in un altro paese, con diverse leggi sulla sovranità.

Nonostante abbia ricevuto il premio ambientale locale, è stato allora che ho capito quanto non sapessi delle materie prime che stavo scegliendo per realizzare i nostri progetti. I rischi ambientali sono presenti durante tutto il ciclo di vita di un prodotto e possono avere gravi conseguenze.

Da quando sono nell'industria del calcestruzzo, ho avuto la fortuna di lavorare con leader lungimiranti e ho intrapreso una serie di misure per comprendere e migliorare meglio la nostra responsabilità sociale e ambientale lungo tutta la catena di fornitura.

it_ITItalian