Set 25, 2020

Il nuovo rapporto WorldGBC delinea come l'Asia Pacifico può ricostruire meglio affrontando il carbonio incorporato nell'ambiente costruito

Di 

Il World Green Building Council lancia un nuovo rapporto che delinea i vantaggi per il clima e per le imprese derivanti dall'affrontare il carbonio incorporato nell'Asia del Pacifico e chiede emissioni nette pari a zero entro il 2050 nell'ambiente costruito

primer al carbonio incorporato

Londra, Regno Unito - Il World Green Building Council (WorldGBC) ha lanciato un nuovo rapporto incentrato sulla regione dell'Asia del Pacifico che delinea le opportunità di business e climatiche per affrontare il carbonio incorporato nell'ambiente costruito. Il Primer di carbonio incarnato Asia Pacifico accresce la consapevolezza su cosa sia il carbonio incarnato, dove si manifesti durante il ciclo di vita di un edificio e di una risorsa infrastrutturale e come affrontare il carbonio incorporato possa catalizzare l'Asia del Pacifico per ricostruire meglio dopo COVID-19.

Definisce le azioni chiave che possono essere intraprese oggi dalle imprese, dal governo e dalla società civile per sensibilizzare, definire ambizioni, stimolare la domanda e compiere progressi sostanziali nella riduzione del carbonio incarnato di progetti, materiali e prodotti.

Il 60% della popolazione mondiale vive attualmente nella regione dell'Asia del Pacifico e si prevede che la regione registrerà una crescita significativa e nuovi edifici e infrastrutture nei prossimi decenni. È anche una delle regioni più vulnerabili al cambiamento climatico.

Dei 4,3 miliardi di persone che vivono in Asia Pacifico, più di 2 miliardi vivono in aree urbane. Le proiezioni mostrano che questo aumenterà a 3,3 miliardi entro il 2050. Con una crescita così ampia prevista, mitigare le emissioni di carbonio incorporate nei prossimi anni è essenziale per garantire un'elevata qualità della vita, ridurre al minimo gli impatti negativi sull'ambiente e massimizzare le opportunità economiche da mantenere. competitività in un'economia sempre più a basse emissioni di carbonio.

Victoria Burrows, Direttore, Advancing Net Zero, World Green Building Council:

“Solo nel 2018, quasi la metà dei 281 eventi di catastrofi naturali del mondo si sono verificati nella regione dell'Asia del Pacifico, inclusi 8 dei 10 più mortali, con un numero crescente di questi eventi legati al degrado ambientale e ai cambiamenti climatici.

Il settore dell'ambiente costruito può fornire potenti soluzioni alla crisi climatica. Con gli edifici responsabili di 39% delle emissioni globali di carbonio legate all'energia e il patrimonio edilizio che dovrebbe raddoppiare entro il 2050, il momento di agire è ora.

Per raggiungere gli obiettivi di zero netto entro la metà del secolo e sostenere la crescita e l'urbanizzazione previste, dobbiamo decarbonizzare l'intero ciclo di vita delle nostre risorse costruite: edifici e infrastrutture. Se agiamo ora, ci attende una grande opportunità per l'Asia Pacifico per creare vantaggi economici, vantaggio competitivo e ridurre al minimo le conseguenze del cambiamento climatico catastrofico ".

WGBC-APN-Primer

Per affrontare veramente la crisi climatica, il rapporto chiede al settore dell'edilizia e delle costruzioni di adottare un approccio basato sul ciclo di vita delle emissioni di carbonio. Ciò significa non solo le emissioni rilasciate durante il funzionamento (energia per riscaldare, raffreddare e alimentare gli edifici) ma anche durante le fasi di produzione, trasporto, costruzione, manutenzione, riparazione e fine vita note come "carbonio incorporato".

Queste emissioni contribuiscono a circa 11% di tutte le emissioni globali di carbonio legate all'energia e 28% delle emissioni del settore edile.

Le emissioni di carbonio rilasciate prima che l'edificio o l'infrastruttura inizino ad essere utilizzati, a volte chiamati carbonio iniziale, sarà responsabile della metà dell'intera impronta di carbonio delle nuove costruzioni da qui al 2050, minacciando di consumare gran parte del bilancio di carbonio rimanente del mondo.

Affrontare il carbonio incorporato negli edifici e nelle infrastrutture può aiutare a ricostruire meglio, rafforzare il business case per lo zero netto, rinnovare la tradizione e incoraggiare l'innovazione, fornire nuove forme di incentivi e competitività globale a prova di futuro.

 

Ultime notizie

Sei mesi nell'impegno SEI SE 2050

Gli ingegneri strutturali si combinano per condividere apprendimento, risorse e obiettivi ambiziosi di decarbonizzazione di Chris Jeseritz Chris Jeseritz è un project manager ...

CLF lancia Embodied Carbon Policy Toolkit

Per tutto il 2020, il Carbon Leadership Forum ha investito risorse significative nello sviluppo di una serie di risorse per supportare un'efficace carbonio incarnato ...

Portare il carbonio incarnato in anticipo

Il rapporto pionieristico del World Green Building Council "Bringing Embodied Carbon Upfront: azione coordinata per il settore dell'edilizia e delle costruzioni ...

it_ITItalian